A spasso per Vienna

A spasso per Vienna per un giorno

A spasso per Vienna per un giorno

Ciao a tutti!

Sono Angela, una studentessa università a Pisa, con una grande passione per la fotografia e per i viaggi, sempre alla ricerca di nuovi posti, sensazioni e culture da scoprire!
Finora, non ho fatto tantissimi viaggi, complici studio e poco budget, ma vorrei raccontarvene uno molto breve ma intenso, ossia una giornata passata a Vienna.

Tutto ciò è nato da un’idea malsana, ma stupenda, avuta guardando vari sconti su linee di autobus europei con una mia amica e, tra le tante opzioni, c’erano questi biglietti per la una linea notturna Firenze – Vienna, con arrivo in mattinata e viaggio di ritorno serale.
Nel leggere questa possibilità, ci è venuto in mente di tentare questa avventura e abbiamo preso subito i biglietti!

Arrivo a Vienna

Il tempo bellissimo ed estivo ci accoglie in questa suggestiva città e ci dà l’energia per affrontare questa giornata. Armate di mappe e itinerario, studiato per essere esclusivamente a piedi (ovviamente solo per il centro città, ci siamo immerse nelle strade eleganti e animate di Vienna).

Il giro inizia da una delle piazza principali, che accoglie il Duomo di Santo Stefano (Stephansdom), che gli abitanti chiamano “Steffl”,termine che indica la guglia medievale del campanile.
E’ enorme, imponente, non riuscivo neanche a fotografarlo per quanto riempisse la piazza!
E non solo lo è all’esterno ma anche l’interno, con colonne altissime e riccamente decorate che sostengono la volta, il tutto in stile gotico.

Affascinate da questo luogo, continuiamo il nostro giro per le strade, piene di vita, di negozi, gli elegantissimi cafè caratteristici, con i loro dolci nelle vetrine (con la regina delle loro torte, la Sacher).
Il tutto in strutture e palazzi ottocenteschi, uno più impressionante dell’altro.
E ciò che culmina nell’arrivo al Hofburg Palace,il famoso Palazzo Imperiale che sfoggia il lusso dell’impero asburgico e che ricorda, senza dubbio, la Principessa Sissi.
Questo monumento si trova in un’enorme complesso che comprende svariate strutture, tra cui la Cappella Imperiale, la Biblioteca Nazionale, il Tesoro della Corona e altre ancora.
Per questioni tempistiche, abbiamo scelto di visitare soltanto la Biblioteca, che ospita circa 7 milioni di libri, oltre che partiti musicali, cartine geografiche ed altro.
La struttura lascia senza fiato, barocca, ricca, col profumo inebriante di legno e di libri che è davvero difficile dimenticare.

Ma continuiamo il nostro giro, seguendo viette più piccole e strette, godendoci quanti negozi e vetrinette siano dedicate a Mozart, amatissimo e celebrato in tutti gli angoli della città.
Camminando ci ritroviamo al Naschmarkt,un mercato alimentare con oltre 120 bancarelle, quasi mini ristorantini, che offrono ogni tipo di cucina europea e non.
Scegliere cosa mangiare non è stato semplice, vi lascio immaginare i profumi, speziati, dolci e intensi da acquolina in bocca!

Dopo questa pausa, si riprende il giro e si segue la Ringstrasse, ossia una serie di viali ottocenteschi che riprende la forma circolare delle mura medioevali del centro, ora non più esistenti.  E lo sapevate che è definito il viale più bello del mondo?! Questo perché, lungo il suo contorno, ci sono i più famosi monumenti ed edifici di Vienna, oltre che i bellissimi parchi.

Una curiosità: dato che siamo nel periodo immediatamente precedente all’evento Pride europeo, tutte le strade recano le bandiere arcobaleno e i semafori mostrano non le semplici luci, ma coppie di omini di tutti i generi, per celebrare l’uguaglianza e l’amore in tutte le sue forme.

Ma riprendiamo il nostro viaggio e ci fermiamo al Burggarten, un bel parco in stile inglese con una statua dedicata a Mozart e un bel giardino botanico al centro.
Dato il tempo splendido, il giardino è pieno di turisti e abitanti ed è una gioia vedere questo parco così animato!

Continuiamo la nostra esplorazione e ci ritroviamo, quasi per caso, al Castello del Belvedere ( Schloss Belvedere), un complesso barocco fatto di giardini, viali, fontane, statue di stile francese che culmina con un complesso elegante e raffinato su una collinetta.

Un vero spettacolo e anche una sorpresa, dato che non ci aspettavamo di trovare uno spazio così bello quasi per caso!

E il viaggio continua passando per il parco Stadtpark, il parco più antico di Vienna.
Non solo ci sono vari monumenti dedicati alle principali personalità viennesi, come Strauss con la sua statua d’oro, Schubert, ma anche canaletti, un laghetto e dei prati ben curati e verdissimi.

Ci siamo perse ad esplorarlo!

E la nostra camminata culmina in un quartiere molto particolare, il Hundertwasserhaus, un complesso di case popolari molto particolari, piene di colori, senza spigoli, piene di ceramiche variopinte.
E’ particolarissimo e ve lo consiglio, in quanto si sente esattamente la gioia di vivere e il senso di inclusione che ha voluto trasmettere l’architetto!
Purtroppo, con quest’ultima tappa, il nostro tempo a disposizione è finito, queste fantastiche 12 ore a Vienna.

Viaggio serale e arrivo a Firenze nella mattinata successiva.

Wow che viaggio!

Poche ore e non sufficienti per visitare questa meravigliosa città ma è stata una bellissima esperienza e, di certo, ci ritornerò più che volentieri per scoprire altri posti.

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply


ARRICCHISCI IL TUO VIAGGIO
IL NOSTRO NUOVO PARTNERS DI VIAGGI

Civitatis è la società leader nella distribuzione online di attività, escursioni e visite guidate in spagnolo nelle principali destinazioni turistiche del mondo.

+680 Destinazioni +14.600 Attività +2.070.000 Clienti annuali